ArchiQuant

ArchiQuant

Plug-in per il computo metrico estimativo in ArchiCAD

Download ArchiQuant Presentazione (italiano) - .mov 80,6 Mb -

Descrizione

 

ArchiQuant consente di ottenere in modo più semplice ed immediato computi metrici estimativilegati agli elementi costruttivi (e non solo) dell'Edificio Virtuale ArchiCAD.

 

L'utilizzo di ArchiQuant non prevede alcuna conoscenza del linguaggio GDL né l'utilizzo degli oggetti Attributo o del Database del computo previsti da ArchiCAD.

 

Basterà assegnare un componente all'elemento costruttivo desiderato e definire il metodo di calcolo (formula di calcolo della quantità) per tale elemento e questo verrà automaticamente computato dalle liste di computo fornite da ArchiQuant.

 

Con ArchiQuant avrete a disposizione una palette degli strumenti dedicata che sarà utilizzata per accedere alle varie funzioni ed un nuovo pannello all'interno della maggior parte dellefinestre di dialogo per i settaggi dell'elemento, in pratica per tutti gli elementi computabili da ArchiQuant.
Usando solo questi due elementi potrete gestire i vostri computi metrici estimativi.

 

 

Nuova Versione ArchiQuant 1.1 - le ultime novità aggiunte

Nuova modalità di lista con dettaglio delle misurazioni

 

Come richiesto da molti utenti, questa versione di ArchiQuant permette di visualizzare la lista delle singole misurazioni da cui è derivata la quantità totale del componente listato.

 
 

In questo modo si potrà avere sempre sotto controllo il proprio progetto verificando con precisione da dove derivano le quantità, e quindi i costi, che incidono sul costo finale dell'edificio progettato.

 

Interfacciamento con programmi di computo esterni

Questo aggiornamento di ArchiQuant estende le possibilità di interfacciamento con specifici programmi per il computo metrico estimativo.

 

Filosofia di lavoro

 

Quando abbiamo sviluppato ArchiQuant abbiamo pensato alle richieste di moltissimi utenti ArchiCAD che volevano ottenere dal loro modello tutte le quantità richieste, senza utilizzare una riga di comando GDL.

 

Inoltre, tutti gli utenti desiderano evitare il lungo lavoro di creazione del database dei componenti all'interno di ArchiCAD, soprattutto perché, in molti casi questi elenchi prezzi sono già disponibili in formato elettronico.

 

Al tempo stesso non pensiamo che la finalità di ArchiQuant sia quella di sostituirsi ai vari programmi per il computo metrico estimativo (che comprendono moltissime altre funzioni abbracciando l'intera area della contabilità del progetto), ma piuttosto di interfacciarsi con questi così da consentire all'utente di godere di due vantaggi principali:

 

  • attingere alle numerose banche dati di listini accessibili con questi programmi;
  • poter estrapolare tutte le quantità dal modello virtuale per poi poterle esportare nel programma di computo preferito.

 

Lo schema di lavoro sarà quindi il seguente:

 

  • definizione dell'Elenco Prezzi/Listino da usare con ArchiQuant nel progetto ArchiCAD per mezzo del programma di computo preferito
  • importazione dell'Elenco Prezzi così definito all'interno di ArchiQuant con il nuovo strumento Importa Elenco Prezzi
  • creazione del computo con ArchiQuant con la metodologia propria di questo plug-in (si prega di far riferimento al manuale utente di ArchiQuant)
  • esportazione del computo nel formato desiderato usando il nuovo strumento Esporta Computo Metrico
  • importazione/apertura di questo computo all'interno del programma di computo originario dove si potrà continuare la post-elaborazione del documento.

 

I programmi interfacciabili con ArchiQuant

 

Ovviamente abbiamo stabilito quali siano i programmi più utilizzati dai nostri utenti ArchiQuant e, dopo una veloce ricerca, abbiamo identificato i seguenti prodotti:

 

  • Mastro 2K di 888
  • STR Vision CMP di STR
  • PriMus e PriMus-DCF di ACCA 

 

Ovviamente una particolare attenzione è stata posta sulla semplicità di utilizzo di questointerscambio dei dati: nessun intervento o configurazione aggiuntiva sono richiesti da parte dell'utente.

 

L'importazione dei listini implica la sola scelta/selezione del file da importare e lo stesso dicasi per l'esportazione del computo: scegliete semplicemente il programma di computo con cui "dialogare" e a tutto il resto penserà ArchiQuant.


 

 

Metodo di lavoro

 

database dei componenti, ossia il prezziario, può essere importato da file esterni o definito manualmente utilizzandolo stesso ArchiQuant; esso è l'archivio che comprende tutte le voci cheè possibile computare nel nostro progetto ArchiCAD.

 

A meno della sola "Descrizione", con ArchiQuant si possono gestire anche più prezziari diversi all'interno dello stesso progetto ArchiCAD; questa è più un'indicazione delle sue potenzialità, perché probabilmente rimane preferibile la definizione di un prezziario personalizzato, redatto secondo le proprie esigenze, attingendo da più fonti.

 

Il database dei componenti si basa sostanzialmente su due tipi di elemento: il Capitolo e il Componente.

 

Il Capitolo è la suddivisione gerarchica dei Componenti, normalmente ha un codice alfanumerico che lo identifica univocamente e una descrizione testuale.

 

Il Componente è l'unità base del database. Ogni Componente comprende:

 

  • un codice alfanumerico che lo identifica univocamente
  • una descrizione testuale
  • una descrizione riassuntiva (descrizione breve)
  • una unità di misura
  • un prezzo unitario.

 

La quantità totale del componente ed il suo costo totale sono computate automaticamente da ArchiQuant, basandosi sulle dimensioni dell'elemento del progetto al quale sono stati associati in ArchiCAD.

 

Quando si assegna un componente ad un elemento di costruzioneArchiCAD, è necessario definire il modo in cui il componente è computato in base alle dimensioni/quantità dello stesso elemento di costruzione.

Ad ogni elemento di costruzione ArchiCAD è possibile associare più componenti e quindi più formule.

 

Ad esempio, in un muro i singoli componenti potrebbero essere:

 

  • mattoni (numero di mattoni per metro cubo del muro);
  • intonaco esterno (associato alla superficie esterna del muro);
  • intonaco interno (associato alla superficie interna del muro);
  • finitura esterna (associato alla superficie esterna del muro);
  • pittura interna (associato alla superficie interna del muro);
  • battiscopa (associato alla lunghezza interna del muro, meno le porte).

 

ArchiQuant dà all'utente la possibilità di salvare queste liste di componenti così da poterle associare ancora in fasi successive ai vari elementi di costruzione, reimportandole.

 

Alla fine le Liste di computo restituiscono il computo metrico estimativo generato da ArchiQuant.
E' possibile personalizzare le liste di computo scegliendo idati da visualizzare, i filtri da usarsi, la grafica della lista stessa.

Anche in questo caso, si possono registrare questi settaggi in modo da poterli utilizzare in qualsiasi momento, senza perdere tempo a dover riconfigurare la lista come desiderato.

 

La finestra dei Settaggi consente di definire la valuta, i relativi decimali, nonché tutte le unità di misura che interessano il computo metrico.

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la Cookie Policy